Teleuropa.it Live

Sedi operative
Formia-Cassino-Roma-Santa Maria Capua Vetere

Per la tua pubblicità 334 89 44 646

Teleuropa è il portale di notizie aggiornato 24 ore su 24 - Web TV

Cronaca, politica, spettacoli, sport, economia, salute, rubriche e approfondimenti

Teleuropa.it Live

ULTIME NOTIZIE

SANTA MARIA CAPUA VETERE: RECUPERATE DUE TESTE DEL II SECOLO D.C.

L’importante recupero è il frutto di un’attività investigativa della Sezione Archeologia del Reparto Operativo del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, in collaborazione con la Sezione Elaborazione Dati e coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Una rapina consumata nel 1985 presso l’Antiquarium dell’Anfiteatro campano nel corso della quale furono asportati numerosi reperti archeologici, di vario genere e tipologia, che, successivamente e in diverse circostanze, vennero recuperati, ad eccezione di una scultura in marmo raffigurante la divinità “Diana” e di due teste marmoree raffiguranti l’imperatore “Settimio Severo” del III Sec. d.C. e la divinità “Dioniso” del II Sec. d.C. 

Nel 2016, nel corso delle attività di monitoraggio sul mercato internazionale delle opere d’arte, veniva rilevata una vendita sospetta presso una nota casa d’aste di New York (U.S.A.). La comparazione dell’immagine dell’opera individuata con quella contenuta nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal Comando, confermò che il bene presente nel lotto sospetto corrispondeva con la testa in marmo raffigurante “Dioniso”, messa in vendita con una base d’asta di 70.000 dollari da un collezionista estero, inconsapevole della provenienza illecita del bene. Nel 2019 i Carabinieri del T.P.C. individuavano con le stesse modalità, in un lotto della medesima casa d’aste di New York, la testa in marmo raffigurante l’Imperatore Settimio Severo, messa in vendita con una base d’asta di 600.000 dollari sempre da un collezionista estero.

Entrambe le teste marmoree sono state riportate in Italia. Oggi, grazie alla perseveranza dei Carabinieri del T.P.C. le due importanti opere vengono restituite alla collettività e ricollocate nel loro giusto contesto.

Rimane aperta la “caccia” all’ultimo bene rapinato nel 1985 e ancora mancante all’appello, la dea Diana, per la quale continua la ricerca e l’impegno dei Carabinieri e della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

Articoli recenti

Articoli correlati