Teleuropa.it Live

Sedi operative
Formia-Cassino-Roma-Santa Maria Capua Vetere

Tlc Telecomunicazioni - Formia

CA.VI.CI. Casa Vinicola Ciccariello - Gaeta

Per la tua pubblicità 334 89 44 646

Teleuropa.it Live

Sedi operative
Formia-Cassino-Roma-Santa Maria Capua Vetere

Tlc Telecomunicazioni - Formia

CA.VI.CI. Casa Vinicola Ciccariello - Gaeta

Per la tua pubblicità 334 89 44 646

LA “SIGNORA DEL VENTO” PASSA DI MANO

“La Signora del vento” non è più dell’istituto Nautico Caboto di Gaeta. Ad annunciarlo la stessa dirigente Maria Rosa Valente. Acquisito gratuitamente dal Caboto attraverso il progetto Laboratori territoriali per l’occupabilità,  il veliero era arrivato a Gaeta nell’estate del 2017 dopo una serie di lavori. Unico veliero della marina non militare italiana, ha ospitato tra ottobre 2017 e novembre 2019, oltre 1000 studenti provenienti da tante località italiane ed estere per effettuare percorsi di alternanza scuola-lavoro oltre che eventi ministeriali e commerciali di alto livello. Negli ultimi tempi sono stati numerosi gli appelli lanciati dall’istituto Caboto per portare avanti un progetto unico nel suo genere ma proibitivo da gestire per una sola scuola. A rendere ancora più grave la situazione è stata l’ondata di maltempo abbattutasi sul golfo di Gaeta nella notte tra il 16 e il 17 novembre del 2019, furono spezzati due alberi della “Signora del Vento” e allo stesso tempo i sogni degli studenti del nautico di Gaeta e non solo,  di partecipare ad una reale esperienza di navigazione e di vita di bordo. Vani sono stati tentativi, a partire da ottobre 2017, di trovare finanziamenti ed accordi non solo per la rimessa in navigazione ma soprattutto per la gestione futura della “Signora del Vento” e per portare avanti un progetto che consentisse agli alunni degli Istituti di tutta Italia di effettuare concretamente percorsi di alternanza scuola-lavoro. Persa ogni speranza la triste decisione. Il “sogno marinaro” di ogni allievo, nella “triste gioia” che il moto veliero non sarà demolito e nella speranza che il Consorzio, che ha acquistato la nostra “Signora”, possa in tempi brevi rimettere l’imbarcazione in sicurezza e magari dare la possibilità ai nostri alunni di poter continuare l’attività formativa per la quale aveva avviato il progetto della Nave Scuola.

Articoli recenti

Articoli correlati