Teleuropa.it Live

Sedi operative
Formia-Cassino-Roma-Santa Maria Capua Vetere

Per la tua pubblicità 334 89 44 646

Teleuropa è il portale di notizie aggiornato 24 ore su 24 - Web TV

Cronaca, politica, spettacoli, sport, economia, salute, rubriche e approfondimenti

Teleuropa.it Live

ULTIME NOTIZIE

UCRAINA: MISSILI SU LEOPOLI, SETTE MORTI

La guerra bussa alle porte della Polonia. E’ stato drammatico il risveglio di Leopoli: la perla austroungarica, a 60 chilometri dall’Unione Europea, è stata colpita questa mattina da cinque missili sparati probabilmente da aerei provenienti dal Mar Caspio. Non è la prima volta che la città “culla” della tradizione ucraina viene centrata dai russi ma se le esplosioni alla raffineria di tre settimane fa avevano provocato solamente feriti, il bilancio odierno è drammatico: sette morti, fra i quali anche un bambino. Il bersaglio in un primo momento sembrava essere la stazione, che anche oggi, come avviene ininterrottamente dal 24 febbraio, era piena di rifugiati dalle altre aree del Paese in attesa di un treno per la Polonia. Successivamente, però, lo stesso responsabile delle ferrovie ucraine, Oleksandr Pertsovskyi, ha dichiarato che probabilmente l’obiettivo non erano i treni ma altri siti nelle vicinanze.
Nella zona si è diffuso il panico: l’allarme aereo ha continuato a risuonare per quasi un’ora, i cittadini si sono nascosti nei rifugi e solo più tardi la circolazione è ripresa regolarmente.
I missili su Leopoli confermano il cambio di strategia di Mosca, che poco più di una settimana fa aveva annunciato di volersi concentrare quasi esclusivamente sul Donbass mentre da allora, smentendo se stessa come succede assai spesso, ha dapprima ripreso i bombardamenti sulla periferia di Kiev e oggi ha colpito l’ovest del Paese. Non solo: anche Dnipro è stata teatro di un attacco e anche in questo caso il bersaglio era l’area della stazione ferroviaria, mentre Kharkiv, per l’ennesima volta, è stata martellata per tutta la notte e per l’intera giornata. Almeno nove persone hanno perso la vita nelle ultime ventiquattr’ore nella seconda città ucraina e ad essere flagellati dai colpi russi sono stati anche un’area gioco per bambini e un centro per la distribuzione degli aiuti umanitari destinati alla popolazione civile.
Il Cremlino, insomma, ha alzato ulteriormente il livello dello scontro mentre le autorità ucraine del Donbass invitato i propri concittadini a lasciare prima possibile le zone di Sloviansk, Kramatorsk e Severodonetsk, dove, nelle prossime ore, potrebbe scatenarsi l’inferno.

Articoli recenti

Articoli correlati