Teleuropa.it Live

Sedi operative
Formia-Cassino-Roma-Santa Maria Capua Vetere

Per la tua pubblicità 334 89 44 646

Teleuropa è il portale di notizie aggiornato 24 ore su 24 - Web TV

Cronaca, politica, spettacoli, sport, economia, salute, rubriche e approfondimenti

Teleuropa.it Live

ULTIME NOTIZIE

La Regione Lazio ha tenuto conto delle richieste avanzate da Coldiretti Lazio su due importanti battaglie,  quelle sul fotovoltaico e sul contenimento della fauna selvatica. È l’approvazione del collegato alla legge di stabilità approvata dal consiglio regionale, che tra le numerose disposizioni prevede appunto quelle per contrastare i danni causati dai cinghiali e la moratoria sulla costruzione di nuovi impianti fotovoltaici.

“Abbiamo sempre sostenuto che il mondo agricolo dovesse essere coinvolto nel processo di contenimento della fauna selvatica – dice Granieri – soprattutto coloro i quali hanno già il permesso di caccia e sono formati per abbattere i cinghiali. Nel collegato approvato dalla Regione Lazio, è stata prevista anche una norma di salvaguardia in caso di inerzia degli Enti gestori delle aree protette, nel procedere all’attivazione dei piani di abbattimento selettivo, che autorizza la Regione ad esercitare i poteri sostitutivi, ai sensi della normativa vigente, anche su richiesta dei soggetti interessati. Sono compresi anche imprenditori agricoli, proprietari, affittuari o conduttori di fondi agricoli, siti all’interno delle aree protette, nei cui terreni si sono verificati danni causati da parte della fauna selvatica. 

Sono previste importanti novità nel collegato alla legge di stabilità regionale anche riguardo alle energie rinnovabili. Coldiretti Lazio, proprio nelle scorse settimane, ha lanciato una petizione contro l’installazione del fotovoltaico a terra, che è partita da Viterbo.

E dunque previsto il coinvolgimento degli imprenditori agricoli, da parte delle autorità competenti nei piani di abbattimento, nelle operazioni di contenimento dei danni della specie cinghiale, a condizione che siano muniti di licenza venatoria,sia nelle aree agricole che nelle aree protette, così come disciplinato dalla recente norma approvata dalla Regione Lazio. E’ previsto, infatti, che in relazione alle recenti sentenze della Corte Costituzionale, ulteriori soggetti possono essere coinvolti in tali attività in qualità di coadiuvanti.  

Articoli recenti

Articoli correlati