CONFIMPRESE SUI PROVVEDIMENTI DI DECONTRIBUZIONE

“I provvedimenti di decontribuzione per il Sud del Paese e per alcune aree svantaggiate, che valgono una posta pari a 5 miliardi annui, sono certamente condivisibili, ma dovrebbero essere oggetto d’integrazione per la gravità della situazione economica ed occupazionale in alcune aree del Paese,

Nel provvedimento, infatti, è previsto che il PIL regionale derivi dalla media di quello delle singole provincie che, in diversi casi, se prese individualmente sono, in termini di gap economici, pari o addirittura sotto la media del Mezzogiorno d’Italia e che purtroppo sono escluse dall’agevolazione perché risentono dell’incidenza del PIL complessivo regionale”.

E’ la posizione espressa dal Presidente di ConfimpreseItalia, Guido D’Amico sulla misura dei tagli dei contributi previdenziali del 30% e valida fino al 31 dicembre, decisa dal Governo e concordata anche in sede comunitaria.

“La misura – spiega il Presidente D’Amico, prevede che la sede di lavoro deve essere situata nelle Regioni che nel 2018 presentavano un prodotto interno lordo pro capite, inferiore al 75% della media EU27 o compreso tra il 75% e il 90%, e un tasso di occupazione inferiore alla media nazionale.

Se tutto questo si applica nel Lazio, come intera area geografica e quindi economica, si scopre che interi territori vengono travolti negativamente dall’influenza economica della Capitale, che fa saltare in aria questi numeri e rende inapplicabile il provvedimento. Questo significa, per essere ancor più chiari, che l’area di crisi complessa del frusinate non è tale così come alcune aree del sud pontino, del viterbese e del reatino. Il Ministro, in una recente intervista, parla di misura straordinaria per una situazione straordinaria. Confimprese, continua D’Amico, si chiede se questa misura sia veramente al passo con quella coesione territoriale più volte auspicata da questo Governo e se non sia  una gravissima contraddizione normativa che divide il Paese.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi