Santa Maria Capua Vetere – L’incendio del Campanile

 

Come tradizione vuole ormai da decenni, anche quest’anno si è rinnovato l’omaggio alla Madonna Assunta presso il duomo di Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta. Forte la devozione nei confronti della Madonna, una festa che caratterizza il periodo di Ferragosto e che richiama centinaia di fedeli anche dalle zone limitrofe. Se pur con le limitazioni previste dall’emergenza sanitaria, nella piazza antistante il duomo e all’interno della chiesa è stato imposto il numero chiuso e il rigoroso distanziamento interpersonale. Al termine della funzione religiosa officiata dall’arcivescovo della diocesi di Capua monsignor Salvatore Visco, lo spettacolo pirotecnico atteso da tutti,  l’incendio del campanile.

Il Duomo di Santa Maria Capua Vetere, la cosiddetta Basilica di Santa Maria Maggiore, ha una storia che risale al V secolo, realizzato per volere di San Simmaco con materiali di spolio da edifici che avevano abbellito Capua antica nel periodo romano. Simmaco, vescovo della città, oggi copatrono con la Vergine Assunta di Santa Maria Capua Vetere iniziò la costruzione della Basilica per accogliere le reliquie di San Prisco, rinvenute da Santa Matrona presso l’omonima cittadina.

I primi lavori di costruzione della Basilica di Santa Maria Maggiore risalgono al 432, voluti da San Simmaco dopo il Concilio di Efeso del 431. Durante questa grande assemblea di tutti i vescovi della cristianità tenutasi in Asia Minore, fu data molto importanza alla figura di Maria Madre di Dio. Da questo momento in poi, quindi, furono edificate molte chiese dedicate al culto della Madonna, tra cui la Basilica sammaritana. Il culto cittadino prima era celebrato soprattutto nella Chiesa Costantiniana, nei pressi dell’attuale Chiesa della Madonna delle Grazie.

 

Dopo il declino dell’Impero romano, l’antica Capua ebbe un lungo periodo di decadenza, dovuto alle continue e ripetute invasioni barbariche. Ogi la basilica rappresenta il punto di riferimento per il culto Mariano in provincia di Caserta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi