Itri – L’ultimo saluto ad Antonio Soscia

Profonda incredulità e commozione a Itri ma non solo, per la perdita di un serio professionista nel settore della sanità. L’ultimo saluto al primario di Ginecologia dell’ospedale dono svizzero di Formia Antonio Soscia è stato dato da pazienti, medici, concittadini che nella vita lo hanno profondamente apprezzato soprattutto per le sue notevoli doti umane. Una piazza gremita, la Gianni Rodari a Itri, e negli occhi di tanti accorsi da tutto il sud pontino, i segni di una sentita emozione.

Sincera partecipazione al dolore di quanti lo hanno amato e gli sono stati vicino e, sebbene sembri fuori luogo sottolinearlo, rabbia verso un destino definito ingiustamente, crudele per la sua scelta nel portarsi via prematuramente un grande professionista.

Ha lottato per dieci mesi contro la sua malattia, era amato come uomo al pari di come era apprezzato come professionista. Primario del reparto di Ginecologia e Ostetricia presso l’ospedale “San Giovanni di Dio” di Fondi e, poi, presso il
“Dono Svizzero” di Formia, era, per tutti, più che un medico, un fraterno consulente.

Il destino lo ha voluto colpire nel momento che ha caratterizzato la sua esistenza: sul posto di lavoro, quel lavoro che, per lui, era
una missione, insieme ai valori della famiglia e dell’impegno sociale, sotto forma di guida sportiva, oltre che di indimenticato protagonista
personale nella disciplina della pallacanestro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi