Formia – Riorganizzazione della sanità nel sud pontino

Nell’ultimo consiglio comunale di Formia è tornato prepotentemente alla ribalta il tema del nuovo ospedale  e con esso quello della riorganizzazione della sanità nel sud pontino. La presentazione del piano di fattibilità del nuovo ospedale che sarà realizzato in località ex ENAOLI costituisce un passo in avanti in questa direzione. Un progetto che ha ripreso a camminare con lo stanziamento di fondi pari a 85 milioni di euro. Si tratta di un’opera strategica, complessa, decisiva per i prossimi 50 anni. Ma è tutta la sanità del sud pontino che, a parere di molti, deve essere riorganizzata. Hanno dato il loro contributo, nel corso del consiglio, i sindaci di Gaeta, Itri e Spigno Saturnia ma anche Minturno, Ponza e Ventotene, tutti concordi sulla necessità di intraprendere insieme azioni decise nei confronti di Regione Lazio e Ausl di Latina per una riorganizzazione della sanità del sud-pontino.

E’ stato raggiunto l’obiettivo di approvare un documento che conferisca pieno mandato al Sindaco di Formia di chiedere agli enti interessati di dotare il “Dono Svizzero” di maggiore personale e strutture più adeguate a tutela della salute pubblica di tutto il comprensorio.

Tutti i sindaci si sono mostrati disponibili a proporre alle loro maggioranze ed ai rispettivi consigli comunali, un documento simile a quello di Formia, in modo da agire in maniera compatta ed univoca per una migliore sanità pubblica.

Il mandato al sindaco di Formia è stato conferito da tutta la maggioranza consiliare, dai consiglieri di Forza Italia e dal consigliere Marciano in quota PD-Bene Comune.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi