Roma – Apertura dei settori strategici

  • In questi giorni si lavora alla ripartenza dei settori strategici per l’economia. L’assessore all’agricoltura,ambiente e risorse naturali della regione Lazio Enrica Onorati è intenzionata ad adottare urgenti misure soprattutto per il settore agricolo. Sul tavolo in regione, le quote contributive previdenziali per i mesi di marzo e aprile per i datori di lavoro e i lavoratori nei comparti dell’agricoltura, pesca, floricolo; il riconoscimento, per i soggetti esercenti attività d’impresa, di un credito d’imposta del 60% dell’ammontare del canone di locazione per immobili rientranti nella categoria catastale D/10 (relativamente alle attività agrituristiche) per il perdurare del periodo di emergenza e categoria T, ovvero i terreni agricoli per i mesi di marzo e aprile 2020, analogamente a quanto è stato previsto per gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1 (Negozi e botteghe);  l’introduzione del buono “Spesa-sospesa” per pre-acquistare (a prezzi convenienti rispetto a quelli correnti di mercato) i prodotti agroalimentari per generare un flusso di liquidità immediato per le aziende e risparmio per i consumatori; prevedere immissione di liquidità attraverso “voucher” di importo non superiore a 10.000 euro per la copertura, totale o parziale, dei costi sostenuti per l’espletamento degli adempimenti periodici di natura contabile e fiscale, per gli adempimenti inerenti ai lavoratori imbarcati nonché quelli relativi a servizi tecnici di supporto alla gestione dell’attività d’impresa; l’ipotesi di un fondo “antifallimento” per quanti sono nelle condizioni oggettive di doverlo dichiarare ma, al tempo stesso, vogliono scongiurare tale ipotesi; un fondo speciale per le industrie lattiero-casearie o caseifici che garantiscono il ritiro di latte italiano con cui si indennizzano agli stessi le spese di stoccaggio per il congelamento del prodotto o i costi dell’eventuale smaltimento, ove questo sia in eccesso e non stoccabile; misure a sostegno della pesca come l’alleggerimento temporaneo della pressione fiscale e contributiva per le imprese della pesca professionale, in acque marittime, interne e lagunari; misure a sostegno del vino tra cui la vendemmia verde, la distillazione o il pegno rotativo; interventi a sostegno del settore agrituristico, come  voucher o incentivi alla clientela potenziale per soggiorno nella propria provincia o regione di residenza.  Superata l’emergenza sarà sicuramente auspicabile una campagna pubblica di comunicazione massiccia per incentivare l’acquisto del Made in Italy e il turismo rurale. Una campagna mirata e della durata di più settimane. Alla ripresa i consumatori avranno desiderio, compatibilmente con le disponibilità economiche, di spendere ma anche timore e prudenza. Sarà più che mai indispensabile comunicare correttamente attraverso canali istituzionali”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi