Formia – Il Flash Mob

Così a Formia si è vissuto il primo sabato sera di restrizioni dovute all’emergenza coronavirus. Allo scoccare delle 18,00 in diversi quartieri è stato intonato l’inno di Mameli. Come a Roma……anche in tutte le altre città del basso Lazio, la gente ha reagito così alla quarantena imposta dal governo Conte.

La gente è barricata dentro casa e cerca di inventarsi di tutto per trascorrere le giornate nel migliore dei modi, accantonando la noia che inevitabilmente deriva dall’osservazione rigida delle norme governative imposte per limitare la diffusione del coronavirus.

Si è voluto così ringraziare l’enorme sacrificio a cui sono sottoposti gli operatori sanitari, personale medico e paramedico, tutti impegnati in una missione senza precedenti.

Città vuote, questa è Formia di sabato sera, piazza Paone il luogo per eccellenza della movida formiana, la centralissima via Vitruvio completamente deserta, nella villa comunale due pattuglie della Guardia di Finanza a presidiare il territorio e a controllare che siano rispettate le disposizioni vigenti. Ma c’è anche chi lavora come commercianti di generi alimentari, farmacie e tabacchi, e non mancano le polemiche.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi