Frosinone – Le proteste dei detenuti

Il coronavirus ha fatto sentire i suoi effetti anche negli animi dei carcerati.

Paura del contagio e restrizioni imposte ai familiari hanno fatto scattare dure rivolte in diverse carceri italiane. Anche la provincia di Frosinone ha dato il suo contributo con i penitenziari di via Sferracavallo a Cassino e quello di via Cerreto a Frosinone. Nel carcere di San Domenico nella città martire, tra sabato e domenica, i detenuti si sono limitati a battere oggetti metallici sulle sbarre delle finestre. A Frosinone invece hanno dato fuoco ad alcuni materassi.

 

La protesta si è diffusa immediatamente dopo la rivolta di Salerno, da Napoli a Modena, da Frosinone a Parma.Il terrore di contrarre il virus è scoppiato in furiose proteste. I carcerati hanno tenuto in ostaggio interi reparti come è accaduto anche a Frosinone imponendo alla direzione di richiamare a lavoro anche coloro che erano a riposo o in ferie. Proteste anche nella casa di reclusione di Carinola nell’alto casertano. A Modena la protesta più importante con sei morti che sembrerebbe non strettamente collegati alla sommossa. I detenuti hanno preso il controllo e costretto gli agenti a fronteggiarli dall’esterno impedendo così possibili evasioni. I poliziotti della penitenziaria rientrano in servizio, affrontano l’emergenza in assetto antisommossa. Con le loro rivolte i detenuti vogliono anche denunciare il sovraffollamento delle carceri. Una protesta che parte da lontano. Un appello arriva anche dai parenti dei detenuti che chiedono pene alternative, per alleggerire le carceri, solo così si eviterebbe il contagio.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi