Isernia – Controlli nel commercio del tartufo

Nel corso degli ultimi mesi, le fiamme gialle del Comando Provinciale di Isernia hanno
proceduto ad effettuare una serie di controlli sulla filiera della commercializzazione del
Tartufo, soprattutto Bianco, prezioso tubero di cui la provincia d’Isernia risulta essere una
delle maggiori produttrici a livello nazionale.
I controlli, svolti dai militari del Gruppo di Isernia, sono stati mirati a verificare il rispetto della
nuova normativa sulla cessione di tartufi da parte di raccoglitori occasionali (Legge nr.
145/2018 art.1 commi da 692 a 698), che ha introdotto un regime fiscale particolarmente
vantaggioso per i raccoglitori occasionali le cui cessioni sino ad un limite di € 7.000 scontano
il pagamento di un’imposta sostitutiva pari ad € 100.
La predetta normativa è stata introdotta dal legislatore allo scopo di favorire l’emersione
della platea dei cavatori occasionali, in modo da tracciare le successive cessioni sino al
consumatore finale.
Nel corso dei controlli, si è constatata la cessione di tartufi da parte di cavatori occasionali
senza il pagamento dell’imposta sostitutiva.
In pratica, i tartufi venivano acquistati da operatori del settore completamente in “nero”.
Tali comportamenti, oltre ad avere un evidente risvolto fiscale, vanno ad incidere
negativamente sulla tracciabilità dei tartufi e della relativa identificazione della provenienza
geografica, a discapito dell’identificazione del tartufo molisano.

In particolare, nel corso dei numerosi controlli, sono stati posti sotto sequestro
amministrativo, circa 10 kg di tartufo (bianco e nero uncinato), unitamente ad una bilancia
elettronica, nei confronti di un raccoglitore socio di un’azienda agricola del frusinate, il quale
non ha esibito alcuna documentazione fiscale ed amministrativa circa la provenienza. Per
tale sequestro, gli uffici preposti della Regione Molise – a cui sono stati consegnati i tartufi –
hanno disposto ai sensi dell’art. 20 della legge n. 689/1981 la confisca della merce e, in
conformità di quanto prescritto dalla legge regionale n. 24/2005, hanno provveduto alla loro
vendita.
Le attività di controllo rientrano nei compiti istituzionali di tutela delle entrate tributarie
demandate al Corpo della Guardia di Finanza, nonché, alla tutela della sicurezza alimentare
dei consumatori, attraverso la tracciabilità dei vari passaggi della filiera alimentare
disciplinati dal Regolamento CE nr. 178/02.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi