Isernia – Controlli in materia di reddito di cittadinanza

L’intensificazione della lotta all’economia sommersa ed al lavoro nero e del controllo
economico del territorio a cura dei Reparti territoriali della Guardia di Finanza che operano
a Isernia e provincia hanno consentito di individuare diversi casi di indebita percezione del
cosiddetto Reddito di Cittadinanza.
Quattro le persone scoperte attraverso mirati controlli, nati da specifica attività di
intelligence nel settore della spesa pubblica o scaturiti da elementi rilevati nell’ambito delle
quotidiane attività di servizio. In tutti e quattro i casi il beneficio percepito era frutto di
dichiarazioni mendaci. Infatti, pur di intascare il reddito di cittadinanza che non spettava, i
quattro avevano pensato bene di dichiarare dati non veritieri (false dichiarazioni sulla
propria residenza e sull’effettiva composizione del proprio nucleo familiare), così da
ottenere una certificazione ISEE alterata ed accedere così al beneficio economico.
Tra i quattro casi accertati dalle fiamme gialle, è risultata sicuramente bizzarra la storia di
un trentenne, nativo della provincia di Chieti, percettore di Reddito di Cittadinanza da
maggio 2019.
Quest’ultimo, oltre alle false dichiarazioni, utilizzando la partita IVA della compagna,
esercitava anche, senza alcun titolo, l’attività di commercio ambulante di panini e altri
generi alimentari, soprattutto in occasione di feste e sagre. L’esercizio della lucrosa attività
imprenditoriale era finanche pubblicizzato con tanto di “post” e foto su “Facebook”.
I 4 responsabili sono stati segnalati alla competente Autorità Giudiziaria ed alla Direzione
Provinciale INPS di Isernia, con la quale esiste un collaudato coordinamento, per la revoca
immediata del beneficio e per il recupero delle somme indebitamente percepite.
Per l’indebita percezione del reddito di cittadinanza, le pene sono severe: la legge prevede
anche la reclusione da due a sei anni per chiunque presenti dichiarazioni false oppure
ometta informazioni dovute. È prevista la reclusione da uno a tre anni nei casi in cui si
ometta la comunicazione all’ente erogatore delle variazioni di reddito, del patrimonio o del
nucleo familiare, nonché informazioni dovute e rilevanti ai fini della riduzione o revoca del
beneficio.
Il Reddito di Cittadinanza rappresenta un sostegno per quanti hanno concretamente
bisogno di assistenza, motivo per il quale la Guardia di Finanza è impegnata in prima linea
a contrastare fenomeni di indebito accesso allo specifico beneficio, affinché le risorse
economiche pubbliche possano essere spese correttamente ed indirizzate ai cittadini
onesti, in questo caso, bisognosi di un aiuto da parte dello Stato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi