Cassino – Processo Mollicone, udienza rinviata al 15 gennaio

Si mostra stanco ma fiducioso nella giustizia Guglielmo il papà di Serena barbaramente uccisa più di 18 anni fa ad Arce. La notifica ad una delle parti offese, la vedova del brigadiere dei carabinieri Tuzi, morto suicida,  non e’ andata a buon fine. Quindi l’udienza preliminare è stata rinviata al 15 gennaio del 2020, un rinvio di natura tecnica.

Tutto resta ancora fermo, gli unici assenti i componenti della famiglia Mottola, in tribunale è arrivato anche Carmine Belli il primo ad essere ritenuto responsabile dell’omicidio di Serena. Il giudice avrebbe dovuto decidere la sorte processuale del maresciallo Franco Mottola, ex comandante della stazione dei carabinieri di Arce, della moglie Anna Maria, del figlio Marco, nonche del maresciallo Vincenzo Quatrale e dell’appuntato Francesco Suprano. Per la Procura di Cassino, Serena, sarebbe stata spinta contro una porta dentro la caserma dei carabinieri di Arce, l’ipogtesi è quella di un litigio finito male con Marco Mottola il figlio del comandate della stazione dei carabinieri di Arce.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi