Minturno – A nove anni dall’assassinio di Angelo Vassallo

Angelo Vassallo,  il sindaco pescatore di Pollica, cittadina del parco del Cilento in Campania. fu ucciso la sera del 5 settembre 2010 da mano ancora ignota che gli tese un agguato sulla via di casa, scaricandogli addosso nove colpi di pistola. Un’esecuzione compiuta certamente da mano esperta nell’uso delle armi ed anche nell’organizzazione della fuga e della cancellazione delle prove. Un delitto politico il cui movente specifico non è finora emerso, dal momento che non c’è ancora un colpevole e nemmeno un mandante, ma che si colloca senza alcun dubbio in una logica mafiosa di eliminazione di un ostacolo molto duro sulla strada della penetrazione criminale in una zona della Campania, relativamente fuori ma non lontana, dai grandi traffici illegali di droga e di molte altre attività illegali.

Non ultima la forte pressione camorristica sul settore edilizio e dei lavori pubblici, là dove Angelo aveva ingaggiato in tutta la sua consolidata attività di sindaco una forte lotta all’abusivismo, all’acquisizione di aree da parte di società di dubbia provenienza, di difesa dell’ambiente e del territorio mediante un’accorta politica di valorizzazione delle risorse locali, in primo luogo il mare ma anche l’agricoltura, la gastronomia, la cultura, il turismo sostenibile, in nome di un’altra idea di sviluppo, del tutto originale e fuori del contesto della politica più tradizionale, al contrario intenta a sostenere “gli affari” all’insegna del mattone e del cemento selvaggi.

In ognuno di noi c’è Angelo, dobbiamo solo dare voce alla verità, al desiderio di veder cambiare le cose perchè senza il contributo dei cittadini le cose non potranno mai cambiare, queste le   parole di Erminio Di Nora, responsabile per il pontino della fondazione Vassallo.
Dobbiamo eliminare dal nostro vocabolario, continua, parole come omertà e indifferenza e proseguire sulla strada tracciata dal Sindaco pescatore e da altri prima e dopo di lui. Erminio Di Nora ha avanzato richiesta direttamente al sindaco di Minturno Gerardo Stefanelli di intitolare la scogliera di Monte d’Oro a Scauri, alla memoria del Sindaco Pescatore.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi