Cassino – Cosilam, controlli sulla rete fognaria

Al via i controlli su tutta la rete fognaria consortile al fine di individuare eventuali scarichi abusivi o
difformi. Il Presidente del Cosilam, on. Mario Abbruzzese, ha dato mandato alla società AeA srl al
fine di avviare le dovute ispezioni.
Un punto che era stato concordato nelle scorse settimane a seguito di un apposito incontro
incentrato proprio sull’emergenza degli odori nauseabondi. A seguito di quella riunione si era deciso
di avviare un capillare controllo di tutta la rete fognaria che confluisce all’interno dell’impianto di
depurazione di Villa Santa Lucia.
In tal senso, nella giornata di oggi (lunedì 5 agosto) è stata inoltrata una formale nota alla società
AeA srl, ai Comuni di Cassino, Villa Santa Lucia e Pignataro Interamna e, per conoscenza, a tutte le
aziende confluenti. Il Cosilam ha quindi dato mandato alla società in house di procedere
“all’esecuzione delle attività di ispezione dei pozzetti e al prelievo dei campioni sulla rete fognaria
che confluisce i reflui presso l’impianto di depurazione Consortile congiuntamente con gli organi
preposti del Comune di Cassino, al fine di monitorare la rete fognaria e scongiurare il protrarsi di
tali eventi”.
“Si tratta di un impegno ben preciso assunto insieme ai Comuni di Cassino, Villa Santa Lucia e
Pignataro Interamna e alla società AeA con la cittadinanza e con i comitati – ha affermato il
Presidente del Cosilam on. Mario Abbruzzese
– Con questi controlli saranno portati avanti una
capillare verifica in tutta la rete fognaria che confluisce nell’impianto di Villa Santa Lucia al tutelare
i cittadini residenti che hanno in più riprese denunciato il problema degli odori nauseabondi.
L’obiettivo è quello di eliminare definitivamente il problema dei cattivi odori che continua a
generare forti difficoltà per i residenti. Non è ammissibile che i cittadini siano “ostaggio” nelle
proprie abitazioni costruite con forti sacrifici. L’imperativo categorico in questa vicenda deve essere
solo uno: risolvere definitivamente l’emergenza”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *