Lenola – Ricordando l’ex sindaco De Filippis

Da vivo era stato celebrato da Ferruccio Parri, Luigi Longo,
Enrico Mattei, Giovan Battista Stucchi e Mario Argenton, come uno dei
promotori dello sviluppo della democrazia nel Paese. L’ANPI del
comprensorio Fondi-Lenola  (Associazione Nazionale Partigiani
d’Italia) ne celebrò la figura di partigiano nel 2012. Da sindaco del
centro collinare venne definito il “Sindaco partigiano” per il suo
luminoso impegno a favore della democrazia e, in politica, scelse di
militare in quell’area cattolica, contraddistinta, nella Democrazia
Cristiana, dalle figure di Giorgio Lapira, Giuseppe Dossetti, Giovanni
Galloni (la memorabile Sinistra di base). A queste meritate
riconoscenze se ne è aggiunta, anche dopo l dipartita terrena,
un’altra, il giorno della Memoria. Angelo De Filippis, insegnante,
sindaco di Lenola negli anni Settanta, padre di Giovanbattista De
Filippis, anche lui sindaco e amministratore, per 23 anni, del centro
aurunco, nonché dell’altro  figlio, Pierluigi, esponente della FIOM,
braccio destro di Maurizio Landini alla cui nomina a segretario
generale ha contribuito, in maniera non secondaria l’impegno del
sindacalista lenolese, è stato insignito della “Medaglia d’Onore”
concessa dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai
“cittadini italiani, militari e civili, o a familiari dei deceduti,
deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto
per l’economia di guerra”.  Angelo De Filippis, “sergente
dell’esercito, -come si legge in una nota di Marco Mastrobattista,
addetto stampa, nel 2012, del comune di Lenola- dopo l’8 settembre si
unì alla formazione Corpo volontari della libertà, facendosi chiamare
“Lucio” e combattendo sulle montagne e nelle città del Piemonte.
Deportato in Germania per subire la stessa drammatica sorte di milioni
di persone, solo per un caso fortuito non venne giustiziato”. E presso
il Teatro “Ponchielli” di Latina, il Prefetto della provincia, Maria
Rosaria Trio, ha consegnato nelle mani del figlio Pierluigi, rimasto
orfano del fratello, dopo la scomparsa di Gianbattista, sindaco ed
esponente di spicco della Lenola di fine secolo e dei primi lustri del
terzo millennio, l’ambito riconoscimento che l’inquilino del Quirinale
ha voluto destinare al “Partigiano Angelo De Filippis”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi