Frosinone – Udienza preliminare delitto Morganti

Sono stati rinviati a giudizio per omicidio volontario Palmisani, Fortuna, Mario e Franco Castagnacci coinvolti nell’omicidio di Emanuele Morganti. Il prossimo 19 settembre saranno processati.

 

Il giudice non ha accolto la tesi dei difensori Bruno Giosuè Naso, Cristian Alviani, Emanuele Carbone e Marilena Colagiacomo i quali avevano puntato a derubricare il reato da volontario a preterintenzionale. Respinta dal giudice l’istanza di prosciogliere Franco Castagnacci padre di Mario.

Emanuele Morganti la sera del 25 marzo 2017 venne allontanato dal Miro un locale di Alatri nel quale si trovava con la fidanzata ed una coppia di amici a seguito di una discussione con un altro avventore. All’esterno del locale il ventenne venne picchiato selvaggiamente. Una furia inaudita che ha fatto perdere i sensi al ragazzo tanto che fu reso necessario il trasferimento all’Umberto I di Roma e dopo nemmeno 48 ore il decesso.

L’udienza preliminare svolta a porte chiuse ha portato al pronunciamento, per il magistrato sussistono tutti gli elementi per accusare gli imputati di omicidio volontario. Ad attendere la fine dell’udienza un gruppo di amici di Emanuele con in mano una rosa bianca e tanta sete di giustizia come ha confermato la sorella di Emanuele Melissa.

Poi tutti si sono trasferiti al cimitero di Frosinone a deporre la rosa bianca sulla tomba di Emanuele un atto toccante a cui ha fatto seguito un momento di preghiera.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi