Roma – Intesa storica con Amazon

Rivalutazione dell’attuale modello di turnazione e miglioramento dell’organizzazione del lavoro al fine di conciliare ulteriormente le necessità aziendali di Amazon di accrescere i livelli di produttività con quelle dei lavoratori. E’ questo il fulcro dell’intesa siglata a Castel San Giovanni presso la sede di Amazon Italia Logistica s.r.l. tra le rappresentanze sindacali aziendali e la direzione del colosso statunitense del web services, del cloud computing e dell’e-commerce.
L’accordo, approvato a larghissima maggioranza dal referendum dei lavoratori ed in vigore per 12 mesi dal prossimo 17 giugno, prevede il superamento dei turni fissi pomeridiano e notturno e la ridefinizione dei turni di lavoro, articolati su tre fasce orarie per complessive 40 ore di lavoro prestato su cinque giorni alla settimana.
Tutti i 1656 dipendenti diretti ruoteranno settimanalmente su due turni dalle 7.00 alle 15.00 e dalle 15.30 alle 23.30 durante tutto l’anno; il turno notturno – su base fissa dalle 20.00 alle 04.00 da Gennaio ad Agosto  e dalle 23.30 alle 07.30 dal mese di Settembre a metà Novembre e da metà Novembre a Dicembre – sarà presidiato dai soli lavoratori volontari ai quali sarà riconosciuta una maggiorazione economica del 25%; qualora non si raggiungesse il numero necessario per fare fronte alle esigenze aziendali verrà implementata una rotazione omogenea su tre turni.
Nell’ambito di 8 settimane, i lavoratori presteranno servizio durante un fine settimana lungo un sabato ed una domenica e garantiranno 2 week end di lavoro con prestazione di sabato e 1 week end di lavoro con prestazione di domenica a fronte di 4 week end consecutivi di riposo oltre ad un riposo di 3 giorni consecutivi comprendenti il week end.
Durante i mesi da settembre a dicembre potrebbe inoltre verificarsi la necessità di anticipare di un’ora l’inizio del turno nei reparti di ricevimento merce dai fornitori (inbound) e di evasione degli ordini dei clienti (outbound) previa informazione alle Rsa e ai dipendenti interessati. Dal periodo da metà Novembre a Dicembre potrebbe essere richiesto un giorno di lavoro straordinario a settimana – a rotazione alternando sabato e domenica – per fare fronte ai volumi del picco di Natale.
Soddisfazione in casa Fisascat Cisl Parma e Piacenza che nello stabilimento Amazon di Castel San Giovanni può vantare una forte rappresentanza tra i lavoratori iscritti al sindacato. «Quello di oggi è un risultato storico che recepisce le nostre istanze, raggiunto anche grazie all’impegno delle rappresentanze sindacali aziendali firmatarie dell’intesa, prevalentemente alla Fisascat Cisl, che hanno portato a buon fine negoziato anche connotato da momenti di forte tensione anche culminati con iniziative di mobilitazione e sciopero» ha dichiarato la segretaria generale della categoria cislina Francesca Benedetti. «Il nuovo modello turni garantisce nei vari reparti del sito di Castel San Giovanni la job rotation omogenea nelle mansioni e nei carichi di lavoro eliminando di fatto i turni imposti unilateralmente da Amazon che apre finalmente le porte alla volontarietà della prestazione notturna riconoscendo anche un ristoro economico per chi svolge i turni disagiati, con un importante incremento economico mensile, stimato da 70€ a 97€ a seconda del periodo lavorato» ha sottolineato la sindacalista.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi