Roma – A viale Marconi il covo di un radicalizzato Isis

Si spacciava per un senza fissa dimora ma in realtà viveva in una stanza in affitto con altre persone nella zona di viale Marconi. Qui, tra i file di un tablet in uso all’uomo, c’era anche un tutorial per la costruzione e l’utilizzo di un lanciarazzi RPG-7. Lui si chiama, o dice di chiamarsi, Abdel Salem Napulsi, ed è uno dei cinque arrestati dalla Digos questa mattina nell’ambito della Operazione Mosaico. Il tutorial era salvato in uno dei 31 video che la Procura di Roma e gli agenti delle Digos di Roma e Latina hanno rinvenuto sul computer del sedicente 38enne palestinese, già detenuto nel carcere di Rebibbia, colpito da mandato di arresto insieme ad altri quattro tunisini residenti tra Latina, Caserta e Napoli. “

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi