Latina – Acea intende acquisire il 49% di Acqualatina

Acea intende acquisire il 49% di Acqualatina (la quota del socio privato).

In questo modo controllerebbe nella sostanza la gestione dell’acqua di tutto il Lazio.

Noi riteniamo che ciò debba essere impedito e che occorre dare seguito al referendum sull’acqua tornando alla gestione pubblica dell’acqua.

I sindaci dell’Ato devono diffidare Acqualatina dall’autorizzare il cambiamento del socio privato in assenza di bando pubblico, così come previsto dalla normativa vigente, e devono organizzarsi per acquisire le quote in mano al socio privato.

La pubblicizzazione di Acqualatina deve portare a un sevizio più efficiente e a una riduzione delle tariffe per gli utenti.

La pubblicizzazione della gestione dell’acqua non deve far ricordare nemmeno alla lontana lo sfascio dei vecchi consorzi pubblici, con personale gonfiato, logiche clientelari e gestione partitica.

La gestione pubblica deve essere improntata a criteri di trasparenza, efficienza ed efficacia.

 

potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi