Cassino – il Cus ha fatto brillare la fiaccola benedettina

Ancora una volta i tedofori del Centro Universitario Sportivo della città di Cassino hanno fatto brillare la fiaccola benedettina in piazza De Gasperi. Quest’anno sono stati oltre 150 i tedofori del Cus impegnati nella manifestazione: non solo studenti di Cassino, non solo universitari italiani:  portare la fiaccola in giro per le strade della città martire sono stati tanti giovani Erasmus provenienti da diversi Paesi e che frequentano l’ateneo di Cassino. In massa, dalle residenze del Campus al centro cittadino hanno sfilato per le strade insieme al corteo storico, domenica sera, regalando un colpo di scena sensazionale come non si era mai visto nelle precendenti edizioni. “Abbiamo voluto organizzare al meglio questa iniziativa per ribadire la nostra sensibilità a questi eventi. Per sottolineare ancora una volta che lo il Cus non è solo sport e che la nostra realtà del Campus è bene integrata con la città” ha spiegato il presidente del Centro Universitario Sportivo, professore Carmine Calce, che per ha sfilato in corteo insieme ai tanti studenti del collage e del progetto Erasmus indiani e pakistani portando la fiaccola. “Un ringraziamento particolare – ha chiosato – va alla professoressa Falese Lavinia per l’impegno profuso”. E l’impegno del Cus per la città di Cassino, e soprattutto per la comunità di Norcia – che domenica insieme anche ai ragazzi di Subiaco ha sfilato in città – non finisce qui. Tra poco più di un mese, difatti, è in programma la ventisettesima edizione della maratona di Primavera, come sempre il 25 aprile. Ma quest’anno la manifestazione assume un valore particolare. A spiegare il perché è il professore Carmine Calce al termine dell’accensione della fiaccola benedettina che quest’anno è stata fatta brillare dall’atleta Francesca Marotta che tante soddisfazioni e medaglie in ogni competizione regala al Cus Cassino. Annuncia il professore Calce: “Quest’anno la tradizionale maratona di Primavera del 25 aprile organizzata come sempre dal Centro Universitario Sportivo sarà un omaggio ai cugini della città benedettina, gemellata con Cassino, e che nei mesi scorsi è stata duramente colpita dal sisma. Ospiteremo alcune famiglie terremotate che parteciperanno alla gara e porteranno la loro testimonianza e una parte del ricavato della giornata andrà in beneficenza a Norcia. Dunque, visto che ogni anno partecipano circa 5.000 persona con una quota minima di 5 euro, Cassino si prepara a dare un altro, ulteriore contributo dopo il concerto di beneficenza organizzato lo scorso 22 dicembre organizzato dall’amministrazione comunale”. E, proprio in sinergia con il Comune, si pensa a mettere in campo una serie di iniziative collaterali alla maratona, prima del 25 aprile, sempre con lo scopo di aiutare la città di Norcia che potrebbe essere presente alla gara con il primo cittadino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi