72esimo dello Sbarco Alleato, cerimonie ad Aprilia e Lanuvio

  • 1
  • 2
  • 3
  • 6
  • 7
  • 10
  • 11
  • 12(1)

 

Aprilia – Giornata di commemorazione quella di ieri dello sbarco degli Alleati. La prima cerimonia ha avuto luogo presso il monumento ‘Il Graffio della Vita’, inaugurato ad Aprilia nel 2011; la seconda al monumento alla memoria del tenente Eric Fletcher Waters e dei Caduti senza Sepoltura, inaugurato il 17 febbraio del 2014, alla presenza del musicista Roger Waters e del veterano Harry Shindler. Vi hanno preso parte i rappresentanti delle Amministrazioni di Aprilia, Anzio, Nettuno, Ardea e Lanuvio, le Autorità Militari e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma, nonché i rappresentanti del Centro Anziani di Campo di Carne e le scolaresche della vicina scuola primaria che hanno intonato l’Inno di Mameli. In rappresentanza del Prefetto di Latina, Pierluigi Faloni, è intervenuto il Prefetto Vicario Luigi Scipioni. Da parte del Signor Harry Shindler, impossibilitato a partecipare alle cerimonie, è pervenuta una nota di saluto di cui è stata data lettura. La terza cerimonia in programma, promossa dal Comune di Lanuvio, ha avuto luogo presso il Monumento ai Caduti di Piazza Berlinguer, in località Campoleone.

1Il Sindaco di Aprilia, Antonio Terra, nel suo intervento ha ricordato un altro appuntamento importante per la comunità, vale a dire l’80esimo compleanno di Aprilia in concomitanza con un altro Anniversario importante già ricordato dal Presidente Sergio Mattarella durante il discorso di fine anno, ossia i primi 70 anni della Repubblica Italiana. Questo ci riporta con il pensiero ancora una volta ai giorni terribili della guerra, quando un paese ricco di speranze, nato come comunità agricola dopo la bonifica, finì sfollato e raso al suolo. “Nel dopoguerra Aprilia si è rialzata e ciò lo dobbiamo agli sminatori, ai pionieri e a chi con orgoglio e ostinazione ha scelto di nuovo questi posti per vivere, riprendendo quel percorso di crescita bruscamente interrotto dalla guerra. Anche a loro va oggi il nostro pensiero e la nostra riconoscenza”. Gli ultimi saluti il Sindaco li ha riservati allo stimato concittadino , ultimo reduce di Russia dipartito recentemente, ed alla “delegazione di studenti delle scuole medie che il prossimo 27 gennaio prenderà parte alla Giornata della Memoria presso il campo di concentramento di Auschwitz, visitando quel drammatico simbolo dell’Olocausto nazista che a distanza di settanta anni non smette di impressionare e rafforzare ancora di più il nostro intento che non può che essere solo e soltanto quello di portatori di pace”.







 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi