San Nilo patrono di Gaeta

Fu monaco basiliano, eremita, abate e fondatore dell’abbazia di Grottaferrata. La figura di San Nilo oggi rappresenta una pagina di storia importante per la comunità civile ed ecclesiale di Gaeta tanto da spingere il sindaco Cosmo Mitrano a dichiarare l’abate Nilo cittadino gaetano benemerito e nel 2014 l’arcivescovo Fabio Bernardo D’Onorio ad elevare a santuario diocesano, il primo nel mondo, la chiesa sita in località Serapo. San Nilo, nato nella Calabria bizantina, di cultura e culto greco, fondatore di vari monasteri, decise di fondarne uno nel 1004 sui colli di Tuscolo, sui ruderi di una grande villa romana, dove sembra gli sia apparsa la Teotocos che gli indicò il luogo dove doveva sorgere la chiesa a Lei dedicata. E’ venerato dalla chiesa cattolica e da quella ortodossa il 26 settembre ed è Santo Patrono di Rossano, di Grottaferrata e compatrono della Calabria insieme con il suo discepolo San Bartolomeo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi