Forlanini, Martelli-Santori: “l’ospedale chiude, a rischio occupazione da parte di immigrati e senzatetto”

Ospedale 'San Camillo-Forlanini'Sembra certa, oramai, la chiusura dell’ospedale ‘Carlo Forlanini’, peraltro fra poco più di un mese (31 dicembre), vittima delle scure regionali in tema di sanità, questa affossata a sua volta dal piano di riordino della rete ospedaliera che prevede un taglio di 217 posti letto solo a Roma. Via il ‘Forlanini’, sparliscono le specialistiche di medicina nucleare, chirurgia toracica ed oculistica che il San Camillo molto probabilmente non sarà in grado di assorbire. A riguardo Massimo Martelli, primario dal 1990 al 2013 della chirurgia toracica dell’ospedale Forlanini di Roma, e Fabrizio SantoriSantori Fabrizio, consigliere regionale del Lazio e membro della commissione Salute, consigliere regionale del Lazio e membro della Commissione Salute, hanno diffuso una nota congiunta in cui, oltre a denunciare la nefasta chiusura del nosocomio, pongono l’accento sul silenzio della Regione circa “quale sarà l’effettiva destinazione d’uso della struttura”, visto che è ”palpabile il rischio che numerosi altri locali, rimanendo vuoti, possano diventare terra di nessuno e accampamenti abusivi per immigrati e senza tetto -spiegano Santori e Martelli-. Alla delicata questione di ordine pubblico e sicurezza, che andrebbe ad aggiungere carne sul fuoco alla grave emergenza che sta vivendo la Capitale, si affianca il notevole spreco di denaro pubblico dovuto anche allo smaltimento di macchinari e materiali presenti all’interno e non trasportabili. I cittadini chiedono chiarezza sul futuro della struttura, affinché non rimanga preda di vandali, sbandati e immigrati irregolari, ma venga riqualificato e destinato a scopi ben precisi e forieri di benefici sociali e sanitari per la collettività” concludono.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi