Bimbo nato e mai trovato, a giudizio ex fidanzati per infanticidio ed occultamento

Era il 18 novembre 2012 quando una giovane di 21 anni si presentò al pronto soccorso dell’ospedale di Cassino con un’infezione da parto. I carabinieri, interessati dalla segnalazione del personale medico, sequestrarono la cartella clinica. Le indagini si concentrarono sulla giovane e sul suo fidanzato, coetaneo, ai quali vennero poi sequestrati computer e telefonini. Ora il Gup di Cassino Donatella Perna, a distanza di due anni, li ha rinviati a giudizio con l’accusa di infanticidio e occultamento di cadavere. Il processo a carico dei due giovani (lui di Piedimonte San Germano, lei di Pico) cominceranno il prossimo 16 marzo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi