Fiat: addio a Piazza Affari, sbarcherà a Wall Street

Un addio dopo 111 anni, quello a Piazza Affari, per approdare a Wall Street ufficialmente lunedì 12 ottobre alle 16 (quando cioè in Italia saranno le 22), col nuovo titolo ‘Fca’.
La sede legale non sarà più a Torino, ma in Olanda, il quartiere generale finanziario sarà a Londra, in St James’s Street, e dal Lingotto sparirà il logo Fiat. Ambiziosi i progetti, con un piano da 50 milioni di investimenti per il rilancio del brand Alfa Romeo e l’arrivo dei nuovi modelli. Così facendo, Fca prevede di vendere 7 milioni di vetture nel 2018 e di superare Toyota, anche tramite fusioni o perlomeno di alleanze future, magari in Asia, dove già sono in atto collaborazioni industriali con Mazda e Mitsubishi.
Occupandoci dell’immediato, comunque, il primo importante appuntamento, dopo Wall Street, sarà il consiglio di amministrazione del 29 ottobre, che, oltre ad approvare i risultati del terzo trimestre, dovrà decidere se procedere o meno alla ricapitalizzazione della società. Il penultimo giorno in Borsa non è stato positivo per il titolo del Lingotto (-2,14% sulla soglia dei 7 euro). L’esercizio del diritto di recesso da parte di quegli azionisti che non hanno voluto prendere parte alla fusione con Chrysler costerà a Fiat circa 417 milioni di euro. La società dovrà infatti liquidare, al prezzo di 7,727 euro ad azione, circa 54 milioni di titoli, pari al 4,3% del suo capitale sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi