‘San Giovanni di Dio’, chiuso il day hospital

Dopo l’interruzione del servizio durante l’estate, a partite da giugno, per consentire agli infermieri di andare in ferie, a detta della Asl (tale spiegazione permise di far passare in sordina la notizia), il day hospital di medicina ad oggi non è ancora riaperto e probabilmente mai lo sarà, causa spending review. Naturalmente questa circostanza non risparmia lamentele e disagi, specie per gli anziani costretti a rivolgersi all’ospedale ‘Fiorini’ di Terracina avvalendosi del trasporto pubblico locale (altro malato dei nostri giorni, insieme alla sanità), quando il passaggio di un parente non è possibile.

Fondi, Ospedale 'San Giovanni di Dio'

Ad essere amareggiati sono anche gli stessi operatori del “San Giovanni di Dio” che riconoscono nel day hospital un servizio di fondamentale importanza per la sanità locale in grado, fino allo scorso mese di giugno, di far registrare decine di accessi al giorno. Utenti, medici ed infermieri tornano dunque a lanciare un appello al manager dell’Asl di Latina, Michele Caporossi, e al direttore sanitario, Sergio Parrocchia, per la sua riattivazione.
In conclusione perlomeno una notizia positiva: sono ricomparsi i poct, i discussi macchinari per le analisi da laboratorio. Le apparecchiature, dopo essere state disattivate negli anni addietro a causa di una querelle tra Asl e operatori sanitari, sono stati installati negli ospedali di Terracina e Fondi ed aspettano solo di essere rimessi in funzione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi